13.4.06,8:43 nachm.
E se finissi con l'ammettere che non ce la posso fare? Tutto ciò nella rassicurante consapevolezza che Benedetto XVI è solo l'imitazione di un uomo...
ON AIR: Il bacio sulla bocca, Ivano Fossati
Sì, è vero che il problema di piangere è che nel cominciare non s'incontrano difficoltà: è lo smettere che diventa sempre più difficile.

La cura
Ti proteggerò dalle paure delle ipocondrie,
dai turbamenti che da oggi incontrerai per la tua via.
Dalle ingiustizie e dagli inganni del tuo tempo,
dai fallimenti che per tua natura normalmente attirerai.
Ti solleverò dai dolori e dai tuoi sbalzi d'umore,
dalle ossessioni delle tue manie.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce
per non farti invecchiare.
E guarirai da tutte le malattie,
perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te
.
Vagavo per i campi del Tennessee
[come vi ero arrivato, chissà].
Non hai fiori bianchi per me?
Più veloci di aquile i miei sogni
attraversano il mare.
Ti porterò soprattutto il silenzio e la pazienza.
Percorreremo assieme le vie che portano all'essenza.
I profumi d'amore inebrieranno i nostri corpi,
la bonaccia d'agosto non calmerà i nostri sensi.
Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto.
Conosco le leggi del mondo, e te ne farò dono.
Supererò le correnti gravitazionali,
lo spazio e la luce
per non farti invecchiare.
Ti salverò da ogni malinconia,
perchè sei un essere speciale
ed io avrò cura di te...
io sì che avrò cura di te.
Franco Battiato
No che non ce la posso fare.
Stancami e parlami
abbracciami.
 
Tutto sommariamente presunto da Ofelia ,
con 3 superflua/e manifestazione/i d'interesse, sovente opinabile/i
12.4.06,7:41 nachm.
Morte ad EMule se non è in grado di scaricare una versione perlomeno decente del mio adorato Hiroshima mon amour...
ON AIR: Tengo na minchia tanta, Frank Zappa
L'Italia è un paese di merda. Non per niente, eh: semplicemente perchè trova gravi difficoltà nel riuscire a distinguere i pericoli reali da quelli soltanto apparenti, perchè è vittima della propria incredibile mentalità buonista nonchè pregiudiziale, perchè si diverte un mondo a dare credibilità all'ideologia del regressismo civile/culturale/politico/sociale. E, con questo, dichiaro chiuso il discorso.
Ad ogni modo, io so perfettamente che l'adozione di un bambino dovrebbe essere concessa a qualsiasi coppia, compresa la coppia omosessuale: considerato che non trovo alcuna difficoltà ad accettare la ragionevole idea che un tale tipo di coppia esista e debba esistere, non vedo perchè non dovrei accettare l'idea dell'adozione. Il problema è che non si può ragionare al solo livello teoretico, prescindendo da ogni legame con la realtà: bisogna pensare al bambino e al modo in cui, prevedibilmente, crescerà in un contesto sociale che ripudia il suo nucleo familiare, che non lo riconosce come lecito e lo disprezza apertamente. Sono consapevole del fatto che, accettando un siffatto stato di cose, si recide alla radice la possibilità di mutarlo, ma il problema, per quanto noi possiamo appellarci a parole [inutili ed ovvie] come progressismo, rimane essenzialmente immutato: è fin troppo facile dibattere e teorizzare, senza avere la benché minima percezione di quanto debba/possa risultare frustrante, dover crescere [CRESCERE, dio cane] in un ambiente così distante da quello che la società riconosce come "normale" [e lo so ch'è la parola peggiore che esista, lo so benissimo]. Il punto è che si può pensare di voler sputare addosso al bigottismo: ci si può illudere di poter cambiare le cose, semplicemente rivoluzionando tutto. Oppure si può cominciare a piccoli passi, riconoscendo una fase della "rivoluzione", facendo in modo che venga "digerita" e poi passando alla fase successiva: i cambiamenti veri, quelli più autentici, non avvengono mai tramite rancorosi sentimentalismi in barba al mondo reale. Tutto ciò, per spiegare a Guendalina che non sono una fottutissima borghese del cazzo. Almeno, per provarci.
Cos'altro? Mia madre mi sta praticamente farcendo di cibo: a breve, avrò le fattezze di un pasciutissimo tacchino nel suo giorno di [rin]grazia[mento]. Parentesi omettibile, già.
C'è da dire che il calcolo delle probabilità poteva anche rimanere un universo a me del tutto sconosciuto.
E c'è da dire che se in questo periodo avessi potuto disporre di un kalashnikov, ne avrei fatto di sicuro un uso ragionato e produttivo.
Ed infine c'è da dire che questo blog raggiunge degli apici inarrivabili [per fortuna, per i sani di mente].
Come on, baby, suck my fire!
 
Tutto sommariamente presunto da Ofelia ,
con 1 superflua/e manifestazione/i d'interesse, sovente opinabile/i
10.4.06,11:20 nachm.
Incrociando le dita, impagabile è la goduria di assistere al radicale rovesciamento degli exit poll della compagnia meschina...
ON AIR: Philadelphia, Neil Young
Sì. Cioè, no. E' che io ci rimango di merda, ogni volta: rimango lì immobile, magari a letto, ad ingurgitare toni di voce insopportabilmente freddi, distanti. Io non pretendo niente, davvero: vorrei soltanto sentire una presenza solida che, in ogni caso, mi difende a spada tratta. Non posso masticare ostilità da ogni dove, non posso: mi fa male. Mi fai male.
"Tienimi. Una volta al mese. Una volta all'anno. Quando vuoi. Ma tienimi"
da Non ti muovere.
Navigo nelle parole. Perchè mi sento come se mi perdessi nei fatti. E allora m'attacco alle parole, affondo le unghie negli autori, m'immergo nella catarsi della pagina e m'inondo di melodia. Non so: forse vorrei non essere pessima, è vero, ma il mio essere pessima scalfisce soltanto me stessa. Il problema è proprio questo. Poco chiaro ai più, certo, ma il problema rimane lì.
"Sembrava che quel momento dovesse durare per sempre. Che bisognasse rischiare la vita per ottenere affetto. Che bisognasse arrivare ad un pelo dalla morte perchè qualcuno si decidesse a salvarti"
da Soffocare, di Chuck Palahniuk.
Che schifo. Che schifo.
"Sarà il verosimile a salvarci, perchè è stato il vero a fotterci"
Maurizio Costanzo.
Arriverà il momento di affrontare la situazione: bisognerà guardarsi in faccia, simulando la massima sincerità, e dirsi chiaramente che non si può andare avanti così. Perchè è vero. Perchè, oramai, gli ostacoli più grossi sono lì a sciogliersi nell'acido, mentre i nostri due corpi ricolmi di rancore e imbarazzo se ne stanno impiccati in bagno, a gocciolare tremori e paure.
Io, però, assorbo amore. Sono morta, sì, ma pulso.
"Sei nell'anima
in questo spazio indifeso
inizia tutto con te, non ci serve un perchè
siamo carne e fiato..."
Gianna Nannini.
Forza Italia. Dio cane.
I don't want to be alone.



 
Tutto sommariamente presunto da Ofelia ,
con 1 superflua/e manifestazione/i d'interesse, sovente opinabile/i
9.4.06,5:58 nachm.
Del perchè mi sento di sostenere la dignità della mutandina, senza deplorare l'uso ragionato di un perizoma dignitoso...
ON AIR: La cura, Franco Battiato
Sostanzialmente, sono ancora un attimo indecisa: non voterò Fini, perchè non doveva genuflettersi - pur se istituzionalmente parlando - in uno dei tanti, troppi, tempi del culto dell'inciviltà, e mi riferisco alla moschea e alla storia delle vignette così poco politicamente corrette e non accenno a questa storia sennò m'incazzo e non concludo. Probabilmente, voterò per Forza Italia: punto e basta. Sì, potete smetterla d'inviarmi e-mail sulle cazzate di Berlusconi perchè non me ne faccio niente e manco le leggo: perciò se avete qualche velleità propagandistica, potete anche rinunciare. I comunisti non mi piacciono, è una realtà, ed è inutile appellarsi all'idea che non si parla più di comunismo ma di sinistra perchè tanto è la stessa cosa: l'idea del fallimento, del tifo calcistico, dell'auto rimbecillimento, dell'assoluta mancanza di realismo, della coercizione collettiva, della distinzione categorica fra 'buoni & cattivi', sono capisaldi pseudo politici che mi danno la nausea. E sputerei sopra ad ogni Fassino e D'alema ma, soprattutto, Bertinotti, Diliberto, Rutelli e Prodi, perchè la loro è demagogia astratta nonchè velatamente criminale. Laddove velatamente sta per subdolamente. E questo è quanto, per non lanciarmi in una specie di comizio politologico.
Ad ogni modo, sto seriamente pensando di dare il mio voto a questi simpatici ometti qui.
Ho passato l'esonero di statistica. E sono super soddisfatta di me stessa.
Cos'altro? Sono incazzata: sì, ecco, sono incazzata per davvero.
Perchè non mi piace la gente. Perchè sono solo una falsa di merda. Perchè sono una schifosa sodomita e non mi serve altro che un grosso cazzo in culo. Perchè la società è imbevuta di tutto ciò che mi risulta insopportabile. Perchè la cultura, quella che io auspico, probabilmente neanche esiste. Perchè mi sento più antipatica che mai, e lo sono. Perchè è terribile, davvero terribile.
Perchè amo. E non posso farci niente.
Io sì che avrò cura di te.
 
Tutto sommariamente presunto da Ofelia ,
con 1 superflua/e manifestazione/i d'interesse, sovente opinabile/i